G+ Linkedin facebook skype you tube
Eugenio Benetazzo

QUEL RISCHIO SUI DEPOSITI ..::.. postato il 18/04/2014

Tempi sempre più duri per gli istituti bancari ormai colpiti da processi di deterioramento della qualità del credito che sembrano inarrestabili. Solo nella mia regione abbiamo nomi di banche storiche altisonanti che devono alla prossima assemblea degli azionisti proporre ulteriori operazioni di rafforzamento patrimoniale, conversione di prestiti obbligazionari e cessione di partecipazioni ed asset un tempo strategici. Le banche continueranno a soffrire almeno per un altro quinquennio sia sul fronte dello stress patrimoniale e sia sul fronte dei profitti attesi, per non parlare delle persone che vi lavorano all'interno le quali dovranno presto fare i conti anche con l'evoluzione sia nell'offerta che nella fruizione dei servizi bancari, come conseguenza diretta delle nuove tecnologie digitali e dei dispositivi di comunicazione di ultima generazione (tablet e smartphone). Pertanto consiglio di prestare molta attenzione nei confronti di banche il cui management continua a essere fossilizzato sulla crescita in dimensione attraverso le sole acquisizioni di filiali tradizionali, in quanto...

Leggi tutto

L'INCUBO DELL'IMMOBILE ..::.. postato il 10/04/2014

Durante il 2013 il controvalore delle compravendite immobiliari ha raggiunto ormai la metà di quanto si realizzava in epoca pre-crisi ovvero fine del 2007: in termini percentuali il 2013 si è chiuso con un calo di oltre dieci punti percentuali sulla precedente rilevazione del 2012. Nessuno si è salvato, tutte le tipologie immobiliari sono state colpite: residenziali, commerciali e produttive. In televisione non se ne parla per ovvie pressioni ed ingerenze lobbistiche, ma  su scala nazionale dopo i suicidi per vessazione fiscale e bancaria, dopo l'andamento inarrestabile della disoccupazione giovanile, dopo le chiusure a gògò di piccole e medie imprese private, sarebbe il caso di dedicare qualche riflessione al futuro del mercato immobiliare italiano recitando qualche novena. Chi lavora nel settore parla di una salutare correzione, chi invece lo guarda da analista esterno dovrebbe utilizzare il termine scomodo di crollo a tutti gli effetti, crollo che sembra inarrestabile. Quest'ultimo non riguarda solo il prezzo medio di vendita, ma anche il deterioramento di quelle le cond...

Leggi tutto

FUORI DALL'EURO ..::.. postato il 03/04/2014

Ho paura. Personalmente ho tanta paura, soprattutto come investitore e risparmiatore privato. Il recente successo del Fronte National in Francia alle elezioni comunali ormai lascia prevedere una calda estate, forse peggiore di quella del 2011 quando qualcuno si ricorderà ancora la famosa copertina dell'Economist con l'euro ridotto a stella cadente ed il titolo che si chiedeva “siamo arrivati alla fine ?”. Le elezioni del 25 Maggio ormai evidenziano un quadro piuttosto ben delineato proiettando un successo quasi glorioso da parte dei movimenti euroscettici. In Italia ormai siamo al limite di tenuta: 50% dei votanti contrari all'uscita dall'euro (e quindi dopo anche dall'Europa), un 40% di votanti favorevoli e un 10% di indecisi. Solo tre anni fa i credenti nell'euro erano oltre il 75%, mentre i contrari erano relegati ad una sorta di eretici o tifosi ultras dei mercati finanziari. Il deterioramento del tessuto sociale, l'aumento della disoccupazione, la rabbia delle persone, la sensazione di impotenza innanzi a quanto sta accadendo ha portato milioni di persone  a sfogarsi c...

Leggi tutto

MANCA LO SHOCK ..::.. postato il 27/03/2014

Siamo abituati ad utilizzare il termine shock o a sentire menzionato questo termine nella maggior parte delle volte con una connotazione negativa. Per definizione si usa nel linguaggio quotidiano quando si è sottoposti ad una condizione di stress improvviso e molto intenso. Nonostante i grandi proclami e la sovraesposizione mediatica che lo hanno preceduto sino alla sua insediatura non convenzionale, il Governo di Matteo Renzi è privo di effetto shock. L'Italia ha bisogno proprio di questo, tutto il resto è pura conversazione per consentire lo svolgimento dei vari talk show su scala nazionale. La stessa Europa, per quanto odiata con diversi livelli di risentimento dal tessuto sociale si aspetta, o meglio si aspettava questo da Superman Renzi. Shock che purtroppo non solo non è arrivato, ma nemmeno sembra essere in gestazione. Gli 80 euro mensili promessi in busta paga entro la fine del prossimo maggio potranno creare enfasi per qualche settimana come tema di discussione, tuttavia anche qualora effettivamente arriveranno non cambieranno l'outlook del Paese. Chi pensa che questa im...

Leggi tutto

Evento in evidenza

Quando10/05/2014
DoveLIVE STREAM ON WEB
LocationMALTA
Orario10.30 | 12.30
TitoloFINANCIAL WEBINAR
Telefono02 303 127 467

Tutte le altre date

Lectio Magistralis (Potenza)

Rivediamoli