Vai agli altri articoli

image_pdfimage_print

QUELLI DEL BITCOIN

Ho partecipato la scorsa settimana al Blockchain & Bitcoin Euro Conference a Gibilterra in qualità di media partner, l’evento che rappresenta un expo itinerante per Europa e Asia mi ha permesso di confrontarmi con numerosi operatori del settore della blockchain e dei mercati finanziari non regolamentati. Probabilmente parteciperò anche alle prossime tappe di Mosca e Monaco tuttavia nell’attesa del prossimo meeting istituzionale voglio rappresentarvi alcuni dei punti tematici che sono stati affrontati e sviluppati sia da alcuni relatori e dagli operatori finanziari del settore. Partiamo con la convinzione che il 2018 sarà il redde rationem per tutto il settore…

IL RITORNO DELLA PAURA

Si trattava di aspettare e tutta la compiacenza ed esuberanza irrazionale che hanno contraddistinto tanto i mercati finanziari tradizionali quanto quelli non regolamentati delle criptovalute in questi ultimi tre mesi si sono deteriorate in pochissimo tempo. Finalmente assistiamo ad un ritorno del buon senso e della paura, dopo un tripudio di follia finanziaria aberrante. Iniziamo dalle criptovalute pertanto che sono quelle che hanno maggiormente sofferto: il mercato non è sceso, non è caduto, è crollato sulle sue stesse deboli e volubili gambe. La capitalizzazione è passata dai quasi 1.000 miliardi di dollari del periodo prenatalizio agli odierni 300 miliardi,…

ASPETTANDO L’ORSO

Abbiamo archiviato il 2017 con un climax finanziario in crescendo continuo nell’apoteosi della compiacenza e dell’esuberanza. Sulla stampa finanziaria si sprecano le dichiarazioni positive che tutto va bene ed i rischi che avevamo ad inizio 2017 sono ormai stati sterilizzati. Infatti tornando indietro ad un anno fa l’agenda politica che attendeva l’Europa era fonte di preoccupazione trasversale, sia per le istituzioni sovranazionali che per le case di gestione. Pensiamo solo alla ridondanza mediatica delle elezioni presidenziali in Francia. Tra un mese le elezioni italiane potrebbero trasformarsi nel tanto vituperato cigno grigio ovvero un paese fondatore dell’Unione Europea che si…

INSIDE JOBS ACT

Nonostante sia stato approvato oltre due anni fa vi sono ancora numerose persone che non si rendono conto che cosa sia effettivamente il Jobs Act e che cosa abbia prodotto. Soprattutto si può rimanere attoniti alle esternazioni di alcuni rappresentanti del PD che si vantano dei risultati occupazionali prodotti grazie al varo di questa riforma sul diritto del lavoro: soprattutto Renzi non fa altro che ostentare il successo delle sue politiche occupazionali nei suoi precedenti anni di governo. Andiamo per gradi e vediamo se effettivamente è proprio così. Tanto per cominciare il nome: la maggior parte dei lettori penserà…

ONE BELT ONE ROAD

Il diciannovesimo secolo è stato vissuto sotto l’influenza ed egemonia inglese, il ventesimo secolo sotto quella statunitense, ed il ventunesimo (quello attualmente in corso) sarà vissuto sotto l’egida cinese. Dopo il 2100 si dovrà capire che pianeta consegneremo alle future generazioni e soprattutto se il cambiamento climatico non abbia prodotto significative perdite di potenziale economico come già oggi si inizia ad immaginare. Ne abbiamo già dato menzione all’interno di un altro editoriale: la Cina non pianifica il proprio percorso e futuro economico con una programmazione di breve respiro, elemento che invece contraddistingue tutte le economie occidentali avanzate. Sostanzialmente anche…

RIPPLEMANIA

Quello che abbiamo visto alla fine del 2017 sul Bitcoin pare sia niente in confronto di quanto ha vissuto Ripple, il nuovo astro nascente nel mondo delle criptovalute. Parlo di astro nascente non tanto per chi opera day by day visto che si conosce Ripple & Company ormai già da diversi trimestri, quanto piuttosto dai media del main stream che stanno alimentando inconsciamente la folla corsa alla speculazione di massa. Il Bitcoin ha fatto da apripista, le sue performance sono state strabilianti (fino al crash del 22.12.2017) grazie alla ridondanza ed attenzione mediatica che hanno dedicato giornali e televisioni…

THE GENESIS BLOCK

Molto probabile che durante il 2018 assisteremo alle super performance di cripto monete alternative al Bitcoin, mentre quest’ultimo si avvierà lentamente ed inesorabilmente ad un progressivo declino sia delle quotazioni che dell’interesse mediatico a cui ci aveva invece abituato durante il 2017. Il nuovo anno inizia con un avvicendamento nel ranking mondiale delle criptovalute con Ripple che diventa la seconda moneta più scambiata al mondo, la cui performance fa impallidire tutti gli invasati che hanno continuato per mesi e mesi a focalizzare solo sul Bitcoin. Ne abbiamo già fatto menzione anche in altri precedenti redazionali, il 2018 vedrà l’emergere…

VENDESI AFFITTASI

Se seguite i media italiani, soprattutto quelli asserviti alla propaganda del regime, avrete notato come siano diventate sempre più ridondanti le notizie che incensano l’attuale governo e quello precedente per i straordinari risultati raggiunti in termini di crescita economica. Quest’anno infatti l’Italia cresce con vigore e propulsione degna di qualsiasi economia avanzata in buona salute. Sul fatto che l’Italia cresce in termini quantitativi non vi è dubbio, il PIL infatti per quest’anno è stimato a consuntivo a 1.4% addirittura qualcosa di più di quello che era previsto ad inizio anno. Merito ovviamente dei vari Renzi, Padoan e Gentiloni, ma…

THE DARK SIDE OF CRYPTO

Ovunque cripto. In qualsiasi luogo o environment sociale non si parla d’altro. Il Bitcoin regna sovrano ovviamente come tema dominante, tuttavia si inizia finalmente anche a sentir parlare dei suoi concorrenti più credibili e questo dalla stampa non di settore, ma in qualsiasi periodico settimanale. La capitalizzazione del crypto world sta crescendo con una velocità preoccupante giorno dopo giorno: solo in una settimana è salita di oltre cento miliardi avvicinandosi ai seicento miliardi di dollari. Utilizzo l’aggettivo preoccupante in quanto questo fenomeno finanziario completamente non regolamentato molto presto lo diventerà. Le conseguenze in tal senso saranno devastanti tanto per…

BITCOIN SKYROCKETS

Il mercato delle criptovalute si appresta a superare i 500 miliardi di dollari di capitalizzazione complessiva entro la fine dell’anno. Quello che deve fare maggiormente riflettere è rappresentato dalla percentuale di dominanza del Bitcoin ormai prossima ai 2/3 della capita-lizzazione mondiale complessiva. Ad oggi il Bitcoin pesa da solo per il 62% ossia 285 miliardi. La differenza tra la seconda e la terza criptovaluta in termini di capitalizzazione è decisamente notevole: Ethereum ha da poco superato i 50 miliardi, mentre il Bitcoin Cash appena (si fa per dire) 25 miliardi, quindi un 1/10 del fratello maggiore da cui ha…