Facebooktwittergoogle_pluslinkedinyoutube

Il mantra della crescita

pubblicato in data 24 Lug 2014 | Scarica in PDF | Stampa |
Invia a un amico
image_pdfimage_print

Ci sono ancora italiani che pensano che le priorità del paese siano la nuova legge elettorale, la riforma del Senato e la riforma del Titolo Quinto della Costituzione (termine pomposo e astratto per indicare la riforma delle autonomie locali). L’attuale governo da quando si è insediato ha sbandierato la necessità delle riforme e l’impegno ad ottenerle in tempi brevi e prestabiliti. Ad oggi sono passati esattamente cinque mesi dalla nomina di Renzi a Presidente del Consiglio e l’Italia si trova esattamente al punto in cui l’ha lasciata Berlusconi con le sue dimissioni a fine 2011. Gli ottanta euro in busta paga per una parte degli italiani (sostanzialmente la base potenziale di voto per il PD) hanno già fatto percepire tutta la loro fugacità: aspettate il prossimo ottobre e vedrete come li restituirete assieme agli interessi. Cinque mesi di governo in cui non si è prodotto nulla di significativo: chi guarda da fuori non vede un Italia in cui valga la pena ritornare o su cui investire. Come disse con franchezza destabilizzante l’ex ministro, Fabrizio Barca, durante l’epico scherzo radiofonico alla Zanzara a metà gennaio, quando la nazione comincerà a capire che “dall’altra parte vi è solo avventurismo e slogan” riferendosi a Renzi come successore di Letta allora il baratro piomberà su di essa. Non manca molto, siamo più vicini di quello che pensate.

Fermatevi un momento a fare questa considerazione, da Monti, passando per Letta, arrivando a Renzi, in due anni e mezzo il debito pubblico italiano, in termini quantitativi, è aumentato praticamente di oltre un 8 %, superando abbondantemente la soglia dei 2.160 miliardi. Sul piano qualitativo, il conteggio è ancora più allarmante in quanto è passato dal 120% sul PIL al 136% (sui dati a consuntivo del 2013, pertanto questo valore è destinato ulteriormente a crescere tra sei mesi). In quasi tre anni nonostante abbiamo avuto l’alternarsi di tre divresi leaders, nessuno di essi è riuscito a fermare il counter clock del debito pubblico almeno a livello quantitativo e soprattutto a fare rewind. Austerity, spending review, risanamento e tutto quello che volete non hanno prodotto alcun tipo di effetto su questa montagna di debito che continua a crescere ora dopo ora. Questa dovrebbe rappresentare non una, ma la prima emergenza nazionale, il buon senso infatti vorrebbe che prima si tappi la falla da cui entra l’acqua in una barca e dopo si filosofeggi su come si dovrà remare, in quale direzione e con che ritmo di vogata. In Italia in questi tre anni nulla si è fatto per la competitività e la flessibilità del lavoro o la tassazione complessiva che grava su chi fa impresa o decide di avviare una nuova attività.

Negli ultimi due anni la maggior parte dei consulti professionali che ho erogato hanno avuto due temi dominanti: in quale paese spostarsi per andare a vivere e lavorare e in quale paese spostare i propri risparmi e capitali temendo il peggio per l’incerto futuro italiano. Le recenti esternazioni del Ministro Padoan riguardanti la stabilità e sostenibilità delle finanze pubbliche in Italia dovrebbero far suonare la sveglia a casa vostra. Non la sveglia del mattino, ma la sirena di un allarme incendio: la diaspora di italiani che fuggono dal Titanic Italia si accentua continuamente giorno dopo giorno, non si è più disposti ad aspettare il miracolo del cambiamento che non arriverà mai – 8.000 emendamenti per la legge di riforma del Senato – o un nuovo cantastorie. La disoccupazione, il debito, la diminuzione della pressione fiscale e tanto altro si risolvono solo con la crescita, quella che in Italia vi continuano a dire che ci sarà l’anno venturo, quasi fosse un mantra. La crescita, soprattutto quella sul medio e lungo termine, è una variabile economica complessa che scaturisce dal contributo di tre componenti fra di loro disgiunte: il progresso tecnologico, la crescita demografica e l’accumulazione dei capitali. In Italia mancherebbero tutte e tre, se non considerassimo l’attuale apporto demografico che sta producendo l’invasione di clandestini dall’Africa.

Chi rimane in Italia si deve chiedere pertanto sino a quanto può arrivare il clock counter del debito pubblico prima che vengano intraprese manovre e soluzioni non convenzionali: ristrutturazione del debito (hair cut sulle lunghe scadenze), cessione parziale delle riserve auree, ulteriore tassazione sulla prima casa – diventata ormai un bancomat per chi governa il paese – oppure la tanto denigrata e temuta imposta patrimoniale con le sue possibili varianti. L’esito delle elezioni europee di Maggio ha dimostrato che gli italiani sono, presi nella maggioranza di chi ha votato, profondamente conservatori, pertanto non vogliono cambiamenti radicali che modifichino le loro certezze, le loro rendite di posizione e i loro diritti acquisiti. Chiunque abbia buon senso si deve rendere conto che quanto prima il conto qualcuno lo dovrà pagare, qualcuno chiamato ad apportare risorse finanziarie o a vedersi ridimensionato il proprio stile di vita, ad un certo momento questo qualcuno dovrà essere individuato. L’Europa in questi termini non ci abbandonerà, non se lo può permettere: per chi ancora non lo sapesse è a Mario Draghi che deve essere imputata la consistente discesa dello spread durante i Governi Letta e Renzi. Le reti di protezione che sono state istituite in questi ultimi due anni in Europa hanno sì protetto e rafforzato l’euro, ma anche e soprattutto l’Italia che ne ha beneficiato maggiormente in termini di risparmio sugli interessi sul debito. Ma anche a questo ci sarà una fine.

Iscritivi alla Newsletter

EVENTO IN EVIDENZA

image_pdfimage_print

WEBINAR

LA TUA PENSIONE
QUANDO > 21/01/2017
DOVE > YOUR TABLET
INFORMAZIONI  ED ISCRIZIONI
Vedi Tutti

rivediamoli

1
2
3
4
5