2013

Diversamente bianchi

Se il nuovo primo ministro, nuovo si fa per dire, Enrico Letta voleva veramente trasmettere un segnale di cambiamento e di rinnovamento a tutta la popolazione italiana, facendo presagire che il suo sarebbe stato finalmente un governo di rottura con il passato, al posto del nuovo e contestato ministero per l’integrazione avrebbe dovuto proporre la costituzione della Immigration & Checkpoint Authority, copiando letteralmente il modus operandi di altri stati che hanno posto il monitoraggio ed il controllo dell’immigrazione quasi come fosse una priorità nazionale. La strada che invece ha intrapreso l’attuale governo purtroppo appare sin dall’inizio decisamente infelice oltre che insensata…

L’involuzione italiana

Con il termine evoluzione, si intende il progressivo ed ininterrotto accumularsi di modificazioni successive atte a conseguire in un arco di tempo sufficientemente ampio, consistenti cambiamenti strutturali e funzionali tanto in un organismo vivente quanto in un  oggetto inanimato. Invece l’involuzione identifica in contrapposizione un processo di riduzione ed atrofizzazione di alcuni parti vitali o sostanziali che producono unfenomeno inarrestabile di decadimento e regresso con riferimento anche alla vita culturale ed economica di una popolazione. Molti lettori mi hanno scritto che hanno perso ormai definitivamente la speranza dopo aver visto la composizione e le varie nomine del nuovo governo italiano,…

Too many secrets

La festa è finita. L’era del segreto bancario e della riservatezza finanziaria hanno ancora pochi anni di vita o forse fanno già parte del passato. Basta con i segreti, soprattutto quelli bancari. La road map che abbiamo davanti ha stimato per il 2020 la nascita degli Stati Uniti d’Europa, sempre che le prossime elezioni germanesi non rappresentino un secondo caso eclatante di ingovernabilità e destabilizzazione politica a fronte della continua escalation di gradimento e consenso del nuovo partito antieuropeista, Alternativa per la Germania, mi riprometto di tornarci ancora più avanti. L’idea su cui stanno convergendo tutte le economie europee, con il…

La chiamano deposit tax

Ho partecipato ad un workshop in Svizzera questa settimana sulle possibili manovre che metteranno in cantiere per preservare sia la tenuta dei conti pubblici e bancari italiani nel breve ma soprattutto la stabilità e coesione della stessa Unione Europea. Il quadro che ne è emerso considerando il prestigio ed autorevolezza dei relatori e del rispettivo ufficio studi è stato poco entusiasmante. Tanto per cominciare ho gradito il fatto che finalmente qualcuno ha iniziato a parlare in termini tecnici riferendosi alla “Deposit Tax” come il famigerato prelievo atteso sulle giacenze di deposito a prima vista presso gli istituti bancari. Su questo frangente sono emerse…

Aspettando il messia

Chi ha l’opportunità di entrare ed uscire continuamente dal paese ed anche l’occasione di potersi relazionare con altri europei in questo momento di eterno immobilismo politico italiano rimane abbindolato dall’opinione pubblica comunitaria. Recentemente ho avuto modo di confrontarmi con un team di colleghi, di provenienza mista, Svizzera, Malta, Germania, Lussemburgo e Regno Unito, sulle problematiche finanziarie che stiamo affrontando  e che ci attendono nei prossimi mesi: il messaggio che mi hanno dato tutti quando ci siamo soffermati sullo scenario italiano è stato corale “ma volete fallire come paese ? vi rendete conto dei rischi che dovrete correre a breve ? ma chi…

Pagheranno in cinque milioni

Lasciate perdere le fantasiose proiezioni politiche sul futuro del nostro paese, ormai non ha neanche tanto senso continuare ad aspettare il nuovo governo. La pagheranno circa cinque milioni di italiani, questa fase di instabilità e di mancanza di convergenza politica  nell’interesse del paese, con il Partito Democratico come principale responsabile. Sono cinque milioni infatti i contribuenti  italiani (intesi come persone fisiche) che secondo le rilevazioni di Bankitalia detengono depositi e giacenze bancarie a prima vista superiori a euro 100.000. Lo hanno fatto capire con grande disinvoltura persino le autorità sovranazionali europee, l’Italia non è più di tanto a rischio per adesso, nonostante i…

GLI STATI BANCA

La crisi del debito sovrano, iniziata nei primi mesi del 2010 come aborto embrionale della bolla sui mutui subprime, sembra non conoscere via di uscita, sempre più commentatori indipendenti iniziano a schierarsi al mio fianco facendosi portavoce della medesima constatazione: più che di una crisi sistemica ormai si deve parlare di unacrisi infinita. La vicenda Cipro non è che una delle tante sfaccettature con cui si è mostrata in tutta la sua pericolosità distruttiva: oggi le varie autorità sovranazionali riconoscendo l’errore da principianti (ricordano molto gli USA quando non salvarono la Lehman) fanno proclami a ripetizione sottolineando come quanto attuato per…

Quella volta con Cipro

Sono sommerso in questi giorni da richieste su richieste di come si deve fare per aprire un conto di deposito bancario in un altro paese al di fuori dell’Italia e di comedelocalizzare la propria ricchezza finanziaria al fine di  evitare in futuro di essere vittime di soluzioni finali come quella implementata recentemente da Cipro. Inutile dilungarsi più di tanto sull’argomento, ho avuto modo di relazionare su questa eventualità e possibilità in più occasioni anche recentemente, persino molte emittenti televisive adesso fanno a gara per invitarmi in questo o quel talk show, restando colpiti mentre al telefono ricordo loro che al…

Nell’origine del nome

Germania è il termine con cui circa tremila anni fa si era soliti definire i territori abitati da tribù celtiche  prima dell’arrivo dei Germani, i quali  erano una popolazione scaturita dalla fusione tra gruppi etnici di origine indoeuropea e gruppi etnici autoctoni di origine paleolitica che, dopo essersi sedimentati in un unico popolo, si spostarono dalla Scandinavia Meridionale. Nel medioevo, nella odierna Germania, che non esisteva ancora come stato, si parlava il latino (chi sapeva leggere e scrivere) e una lingua popolare chiamata “theodisce”. Questa parola si ritiene provenga da alcuni dialetti locali che significava semplicemente “del popolo”. Quindi, in origine “lingua tedesca”…

Adesso abbiate paura

La exit strategy pianificata dalla Troika per il salvataggio di Cipro spiana la strada a quelle che potrebbero essere le metodologie di risanamento attuabili anche per l’Italia: sostanzialmente visto che ci sono persone che ancora non lo sanno i 10 miliardi di euro necessari per dare ossigeno all’economia cipriota arriveranno grazie a prelievi una tantum sui depositi a vista dei correntisti bancari: 6,5% sino a 100.000 euro e 9,9% oltre questa soglia, inutile pensare di portare via il proprio denaro in quanto le banche hanno l’ordine di bloccare i fondi per evitare la fuga dei capitali all’estero. Sono costretti a pagare…