2014

CYPRUS RULES

Il 2014 si chiuderà con l’ennesimo triste primato per l’economia italiana, ormai sempre più moribonda ed in declino inarrestabile, sto parlando del deficit demografico in relazione ai fenomeni migratori. Il Vecchio Stivale mette per il secondo anno consecutivo a segno un numero maggiore di emigrati rispetto agli immigrati. Escludiamo da questo computo il vergognoso e pericoloso apporto che ha generato l’operazione Mare Nostrum (soprannominata anche Cazzi Vostrum), in quanto sul piano demografico il suo contributo (si fa per dire) interessa tutta l’Unione Europea come già descritto in altro precedente post. Ricordiamo che per il nostro paese l’emigrazione è quasi…

WAITING FOR THE CRASH

Mettendo in archivio ormai il 2014 come un anno ibrido sui mercati finanziari in cui si sono manifestati nuovi focolai di tensione finanziaria e geopolitica e in cui si intravedono all’orizzonte nuove pericolose nubi, proviamo a fare un quadro sulle aspettative e sulle possibili novità che ci potrebbe portare il 2015. Partiamo con il ricordare che durante il nuovo anno avremo modo di conoscere finalmente la vera essenza e carattere di alcune banche centrali. Tanto per iniziare quella inglese e quella statunitense dovrebbero dare avvio ad una nuova fase di rialzo dei tassi con le ovvie conseguenze che questo…

ROAD TO RUIN

Quanto accaduto negli ultimi sette giorni non rappresenta una novita per chi sta scrivendo, il downgrade sul rating italiano era atteso da qualche mese. Trovarsi all’ultima soglia dell’investment grade (BBB-) fa emergere nuovi preoccupanti evoluzioni per il futuro della crisi italiana. Da considerarsi senza parole invece l’esternazione dell’attuale Ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, che ha commentato la diminuzione del livello di rating con “non la consideriamo una bocciatura”. Ognuno di voi si è fatto ormai un’idea sulla bontà e consistenza del Governo Renzi e dei suoi rappresentanti. Il Paese, sfortunatamente o volutamente, si trova sotto l’assedio mediatico dell’ultimo fatto…

REAL ESTATE HORROR

Se ci soffermiamo ad ascoltare le agenzia di stampa dell’industria bancaria e dell’industria legata all’intermediazione immobiliare, il numero dei mutui erogati in Italia durante il 2014 segnala un significativo aumento rispetto all’anno precedente, indice questo che, secondo loro, ormai abbiamo raggiunto e superato la fase di bottom e da questi livelli i prezzi possono iniziare a risalire. Se uno crede ancora alle favole, penso che oggi viva molto più serenamente il cambiamento epocale che contraddistingue tutta l’economia planetaria. Iniziamo con il ricordare che il numero delle compravendite ormai si è dimezzato in dieci anni, passando dalle 870.000 del 2004…

GO UNCONSTRAINED

Il 29 Ottobre del 1929 è passato alla storia come il Martedi Nero (The Black Tuesday) ossia il più grande crash finanziario del secolo precedente, le quotazioni dell’indice Dow Jones all’epoca passarono da 350 a 50 punti nel giro di tre anni con il minimo raggiunto durante la fine del 1931. Il Big Crash fu solo il detonatore che diede inizio alla Grande Depressione che obbligò tre anni dopo quel fatidico giorno il Governo degli USA per voce del Presidente F.D. Roosevelt a varare il New Deal, un imponente programma di stimoli monetari ed investimenti industriali volto a far…

CI SONO LE PREMESSE

L’Italia in questo momento non è in grado di reggere ad uno shock esogeno, significa che se si dovesse verificare un evento di portata sistemica improvviso ed inatteso (stile il crash Lehman o un altro attacco speculativo al debito italiano), le finanze pubbliche del Paese produrrebbero fenomeni di insolvenza parziale e disagi di natura economica su numerosi compartimenti dipartimentali. Tra nove mesi non si riuscirà più a contenere la popolazione, adesso bisogna avere il coraggio di espletare il male per conseguire il bene, iniziando ad esempio a sospendere temporaneamente i diritti costituzionali su molti ambiti della vita di tutti…

Le quattro grandi

Sono passati ormai più di sei anni dal quel fatidico Lunedi 15 Settembre 2008, il giorno che può essere considerato come un nuovo zero cronologico per l’economia mondiale. Prima di questa data si poteva affermare pacificamente che il precedente faro temporale fosse il 9 Novembre del 1989 ossia la caduta del muro di Berlino per acclamazione ed esuberanza popolare. Queste due date decretano in comune la fine di qualcosa che nei decenni precedenti aveva dominato e condizionato il mondo, il capitalismo per il 2008 ed il comunismo, come ormai assodato, per il 1989. Dopo questi due eventi temporali il…

L’IBRIDO CHE TI ASPETTA

Il punto di non ritorno lo abbiamo ormai superato da mesi, non vi è in alcun modo la speranza che il paese possa invertire la rotta. La favola della crescita si trasformerà presto in una tragedia greca. Proprio come la nazione ellenica anche gli italiani vivranno il baratro e la desolazione sociale. Gli odierni moniti di Draghi evidenziano ancora una volta come l’attuale fase che stiamo vivendo non possa essere più di tanto condizionata dalle autorità monetarie in quanto succube della fiducia che hanno le imprese e soprattutto le famiglie sul domani che verrà. Gli episodi di cronaca che…

THE MERLO FOREX

L’accentuarsi della crisi economica e finanziaria sta amplificando un fenomeno che negli anni precedenti si era smorzato o se non altro mitigato e anche ostracizzato da una parte della stampa di settore. Mi sto riferendo al mercato dei servizi ed opportunità pubblicizzati per il mondo del merlo forex. Chi opera nei mercati finanziari come operatore istituzionale o qualificato sa bene che esiste una legge tacita, non scritta da nessuna parte, che recita: è immorale permettere ad un merlo di tenersi il proprio denaro. In sintesi significa che non si deve mai consentire a persone poco lungimiranti e avide di…

BEARISH FLATTENING

Nei mercati finanziari generalmente i rendimenti riconosciuti per impieghi di denaro a lungo termine sono quasi sempre superiori a quelli a breve, pensate ad un emissione di titoli di stato, venite remunerati molto di più se sottoscrivete una scadenza a dieci anni rispetto a quella ad un anno. Tuttavia vi possono essere delle circostanze occasionali (come il post crash di Lehman Brothers) o strutturali in cui i rendimenti a breve termine crescono più velocemente dei rendimenti a lungo termine creando una spiacevole conseguenza alla curva dei rendimenti che tende per questo motivo ad appiattirsi. Questa eventualità in termini tecnici…