2016

REPLACEMENT MIGRATION

L’ONU, l’organizzazione inter governativa con sede a New York nata alla fine della seconda guerra mondiale, conosciuta volgarmente come Nazioni Unite, persegue i seguenti tre scopi istituzionali: mantenere la pace e la sicurezza internazionale, risolvere pacifica mente eventuali situazioni di conflitto che potrebbero portare ad una rottura della pace ed infine sviluppare relazioni amichevoli tra le nazioni aderenti sulla base del rispetto del principio di uguaglianza tra gli Stati. Il suo operato trova manifestazione attraverso svariati enti istituiti dall’Assemblea Generale, ne ricordiamo alcuni dei più noti, il FMI, la FAO o il UNCHR (Alto Commissariato delle Nazioni Unite per…

SCENARI SUL DEBITO

Quanto sono sostenibili le finanze pubbliche italiane ? Dopo l’aggressione subita al debito pubblico nel 2011 possiamo confidare di avere una struttura del debito meno vulnerabile ? Se ci fosse uno shock esogeno improvviso nei mercati finanziari internazionali che nuovo impatto ci sarebbe sugli oneri finanziari che gravano sul debito pregresso ? Ci viene in aiuto per trovare una risposta a questi interrogativi ancora una volta il DEF 2016 il quale all’interno della sua corposità (circa settecento pagine suddivise in tre macrosezioni) sviluppa una serie di analisi e scenari al fine di quantificare il rischio che grava ancora sul…

ESSENDO STATO

Continuiamo il viaggio che abbiamo intrapreso qualche settimana fa, addentrandoci ancor di più all’interno delle amministrazioni centrali e locali per comprendere come vengono assorbite le risorse che sono ad esse dedicate. Ci viene in tal senso in aiuto una rilevazione dei costi dettagliata per singola voce elaborata sempre dalla Ragioneria Generale dello Stato e disponibile all’interno del Rendiconto Economico dello Stato per il 2015. Quanto costa lo Stato italiano ? Ossia quanto costano tutti gli enti istituiti previsti all’interno della tanta amata Costituzione italiana ? Per rispondere a tal quesito possiamo far riferimento ad una funzionale bipartizione tra organismi…

COSTAVA MENO

Abbiamo visto nell’editoriale precedente che durante il triennio 2013/2015 (Letta/Renzi) la spesa corrente è aumentata di 57 MLD, mentre la spesa in conto capitale tutto sommato è diminuita di un dieci per cento passando da 44 MLD a 40 MLD (sono diminuiti gli investimenti in capitale finanziario, leggasi banche & company). Il rimborso delle attività finanziarie nel 2015 ha raggiunto una della quattro massime letture storiche di sempre con 233 MLD di debito rimborsato: il record lo vanta il 2010 con 259 MLD di rimborsi. Lo ripeto allo sfinimento, fate attenzione a non confondere il rimborso del debito con…

QUANTO MI COSTI

Sta girando da una decina di giorni sui socials un videoclip che riprende Matteo Salvini durante la trasmissione Porta a Porta in cui spiega secondo lui quali dovrebbero essere le coperture per attuare una flat tax al 15%. Si rimane di stucco quando lo si sente dire che l’IRPEF genera alle entrate italiane un apporto di 48 MLD. Ancora più grave che questa esternazione sia stata fatta grazie ad un prospetto che tiene in mano dal quale ostenta leggere tali dati e che, immagino, qualcuno gli abbia fornito: per la cronaca l’apporto della sola IRPEF stimata per il 2016…

CONOSCI IL NEMICO

Questo post vuole essere il primo di una lunga ed articolata serie di redazionali di analisi ed approfondimento che verranno redatti su questo portale nel prossimi mesi in riferimento allo scenario macroeconomico italiano cosi come descritto e riportato in seno alle pubblicazioni istituzionali cui ogni governo affida e regge il proprio operato. Partiamo subito con questo primo monito, comprendere ed analizzare il contenuto di questa mole di documentazione non è purtroppo alla portata di tutti in virtù di una complessa articolazione di temi ed argomenti chiave della finanza pubblica di ogni paese. Senza girarvi attorno possiamo dire che anche…

SPERMATHON

Negli Stati Uniti sta prendendo piede da qualche anno tra i ragazzi che diventano maggiorenni una nuova variante dello Spermathon conosciuta originariamente per essere una folkloristica competizione tra adolescenti in cui vince chi riesce ad avere più eiaculazioni durante un periodo di 24 ore. Lo Spermathon 2.0 se così lo possiamo chiamare rappresenta invece una variante della competizione originaria avendo una connotazione molto più bizzarra: sostanzialmente il contest mira a mettere in evidenza (pertanto premiare) tanto chi detiene lo sperma con la migliore qualità quanto quello con la peggiore. Questo significa individuare all’interno del gruppo dei soggetti che decidono…

BACK HOME

Rappresenta uno dei temi economici di cui mi interesso maggiormente e su cui ho avuto modo di indagare tanto sul fronte fiscale quanto su quello economico in più paesi: sto parlando della delocalizzazione della vecchiaia. Ho vissuto, lavorato e studiato in paesi che ne hanno fatto un proprio vanto nazionale, mi riferisco ad esempio a Malta, Cipro, Spagna e Portogallo che oggi rappresentano le principali destinazioni per delocalizzare non solo la propria attività, ma soprattutto la parte finale della propria vita almeno per noi cittadini europei. Sono già stati scritti numerosi approfondimenti a riguardo negli anni passati, tuttavia desidero…

THE NEXT ONE

L’Italia è un paese ad elevato rischio sismico, nel precedente millennio si stimano siano avvenuti oltre 1300 sismi con connotazione distruttiva in tutta Europa, di tutti questi oltre 500 hanno interessato il nostro paese facendone per questo il più rischioso in assoluto in tutta Europa. Terremoti con magnitudo superiore a 6.0 se ne contano a raffica uno dietro l’altro solo nella seconda metà del secolo che abbiamo alle spalle: Irpinia nel 1962 (il sisma definito signore perchè danneggiò in via principale gli edifici, causando solo pochi morti), Belice nel 1968, Friuli nel 1976, Val Nerina nel 1979, ancora l’Irpinia…

GIG ECONOMY

Quando si pensa alla prima rivoluzione industriale si immagina per sentito comune ad una invenzione tecnologica come la macchina a vapore di James Watt ed alle sue successive implementazioni pratiche come il telaio tessile o un locomotore per il trasporto ferroviario. Ricordo ancora come veniva semplicisticamente descritta questa fase storica dell’evoluzione umana nei libri di storia di scuola media: in vero la prima rivoluzione industriale scaturisce da un insieme di trasformazioni e mutamenti di natura socieconomica, allora epocali, che produssero le condizioni per il verificarsi di un salto quantico per l’umanità. Per convenzione sociale si utilizza l’invenzione della macchina…