Vai agli altri articoli

IBERNAZIONE ECONOMICA

Sta andando in scena il più critico esperimento socioeconomico del mondo che mai sia stato concepito anche in termini accademici: sto parlando dell’ibernazione economica. Il vocabolo è stato coniato per la prima volta la scorsa settimana dal primo ministro spagnolo, Pedro Sanchez, per descrivere gli effetti del più ferro shutdown che in questo momento si sta realizzando in Europa. La Spagna è l’unica nazione al mondo interamente posta in ibernazione economica per un periodo di almeno due settimane in cui solo le attività ritenute essenziali continueranno ad essere mantenute in stadio vitale. Si tratta di una misura estrema per…

PASSATO IL PEGGIO ?

La perdita di fiducia degli operatori istituzionali è stata uguale se non superiore a quella vissuta durante il 1987 o il 2008: la domanda che ora tutti si pongono è se il peggio, almeno sul piano finanziario, sia passato o abbia raggiunto il suo culmine finale. La terza settimana di marzo ha infatti portato l’indice azionario statunitense S&P500 a sfiorare i 2200 punti producendo pertanto un crollo complessivo di 1200 punti in appena un mese: in percentuale si parla di una contrazione del 35% nel suo complesso, tra le più corpose nella storia dei mercati azionari se rapportate alla…

CHE COSA CI ASPETTA

Il 2020 sarà peggiore del 2008, molto più impattante. La Grande Recessione del 2008 fu una crisi finanziaria per eccesso di debito di bassa qualità che si trasformo in una crisi economia mondiale. Il 2020 è l’esatto opposto: un arresto coatto e sistematico della maggior parte delle attività economiche per contenere il propagarsi della Polmonite di Wuhan si è trasformata in una crisi finanziaria mondiale. Questa volta è molto peggio del 2008 in quanto le banche centrali mondiali hanno limitati mezzi ordinari di intervento e proprio come dodici anni fa si stanno muovendo in assenza di coordinamento congiunto. Nel…

THE OIL PRICE WAR

Non è ancora stato chiarito a sufficienza dai media nazionali che sono concentrati esclusivamente sull’evolversi dell’epidemia in Italia, tuttavia il cigno nero non è rappresentato dalla comparsa della Polmonite di Wuhan (Wuhan Pneumonia) visto che i primi sintomi di contagio e di diffusione del patogeno risalgono almeno alla metà di gennaio, quanto piuttosto alla oil price war. Questo è l’elemento inatteso che è arrivato senza alcun avviso sui mercati azionario e li ha affossati. Andiamo per gradi e spiegamolo nel dettaglio. La settimana scorsa l’OPEC su istanza dell’Arabia Saudita ha proposto un taglio della produzione di greggio da parte…

FANTAFINANZA DA WUHAN

Durante l’ultima settimana di febbraio si è propagata a livello mondiale la paura per il coronavirus di Wuhan (in realtà si dovrebbe chiamarla Polmonite di Wuhan, almeno così fanno in Asia), non tanto nelle persone per la paura del contagio quanto nei mercati azionari per le possibili ed oggettive ricadute sull’economia e crescita mondiale. I principali indizi azionari mondiali hanno ceduto in sole cinque sedute anche oltre il 15% arrivando come nel caso del Dow Jones a realizzare la quinta peggiore performance settimanale di sempre: al primo posto troviamo la settimana di metà settembre nel 2008 quando venne annunciato…

SMART WORKING E CORONAVIRUS

Tutti hanno sentito parlare almeno una volta di Alibaba e del suo fondatore Jack Ma (in Cina è conosciuto con il suo vero nome ossia Ma Yun). La multinazionale di Hangzhou attiva nel campo del e-commerce e delle piattaforme di pagamento e compravendita online è in prima linea per la leadership globale con l’acerrimo rivale occidentale Amazon fondata da Jeff Bezos. Per essere precisi Alibaba è un environment complesso su cui gravitano più siti di e-commerce come Taobao, Tmall ed AliExpress, ognuno dei quali ha una propria specificità: ad esempio Taobao è il marketplace per i negozi cinesi a…

LA NUOVA FISIOLOGIA DEI MERCATI

Nel 1996 l’allora Presidente della Federal Reserve, Alan Greenspan, coniò per la prima volta al mondo il termine di esuberanza irrazionale per rappresentare alle comunità finanziarie mondiali le anomalie intrinseche dei mercati azionari di quell’epoca i quali erano caratterizzati da una florida propulsione rialzista che vide una intensa accelerazione proprio verso la fine degli anni Novanta in concomitanza della sboom di tutto il settore tecnologico. Era la bolla azionario sul Nasdaq. Chi ha almeno 20 anni di esperienza come trader professionista si ricorda ancora perfettamente quel periodo, che cosa comportò sui portafogli e le quotazioni e soprattutto le perdite…

IL RITARDO COGNITIVO DELLA SINISTRA

Salvato lo storico fortino dell’Emilia Romagna avrete notato che le sardine sono mediaticamente scomparse in pochi giorni. A dimostrazione pertanto della loro funzione strumentale necessaria alla sinistra radical chic per proteggere la governance regionale di Bonaccini. Ogni contribuente italiano si dovrebbe soffermare a riflettere sulla visibilità mediatica gratuita che è stata offerta a questo patetico movimento di insurrezione giovanile privo di proposte degne di attenzione per un effettivo cambio di marcia in ambito politico. Salvate il PD, costi quel che costi. Bologna Caput Mundi. Questa volta ci sono riusciti grazie ad una potenza di fuoco mediatica degna delle presidenziali…

MERCATI E CORONAVIRUS

Prima di trattare il tema finanziario e l’impatto sui mercati finanziari vi invito a fare questa considerazione. Avete visto il film girato nel 2011 dal titolo Contagion del regista Steven Soderbergh ? Vi hanno partecipato anche diversi attori molto noti come Matt Damon, Marion Cottillard, Jude Law e Gwyneth Paltrow. Il thriller narra le tragiche vicende legate alla comparsa di una pandemia mondiale con un tasso di mortalità simile a quello dell’influenza spagnola, la quale colpì 500 milioni di persone in tutto il mondo e ne fece morire oltre cento tra il 1918 ed il 1920. In vero tale…

LOW FOR LONG

In questi ultimi dieci anni oltre i 2/3 degli italiani hanno perso denaro a causa della loro asset allocation prediligendo due tipologie di asset class che durante il decennio passato si sono svalutati significativamente, soprattutto in termini reali. Sto parlando del mercato immobiliare e dei depositi bancari, questi ultimi prediletti dai BOT people dopo il crollo finanziario del 2008. Durante questi dieci anni nel frattempo il mondo è cambiato più velocemente di quanto avesse fatto negli ultimi cinquant’anni. Fermiamoci un momento a fare un veloce excursus: TARP, Fiat acquista Crysler, primavera africana, Apple perde Steve Jobs, governo tecnico in…